VAI AL CURRICULUM TV/CINEMA

Curriculum Teatro

 

{1956}

Eugenio Allegri, nasce a Collegno, Torino.

{1974 - 77}

Single Image

L’interesse per il teatro nasce grazie ad un insegnante di Lettere, il professor Antonio Di Molfetta, che in 3° media superiore, presso la succursale di Rivoli dell’Istituto “G.Peano” di Torino, chiede ai suoi studenti di mettere in scena come parte del programma di studio l’unico testo teatrale di Pablo Neruda: “Fulgor y muerte de Joquim Murieta”. Nasce così il Collettivo Teatro di Base con cui Eugenio Allegri e un gruppo molto motivato di studenti affrontano i temi politici legati al mondo giovanile e della scuola. Alla regia del Prof. Di Molfetta si sostituisce gradualmente una regia collettiva e i testi messi in scena, oltre a quello di Neruda, saranno: “Diario di Classe” di Vittorio Franceschi (foto), “All’alba della Libertà”, elaborazione sul tema della strage nazista dei “66 Martiri” di Grugliasco e, infine, “Le dodici fatiche di Ercole”, tratto dall’opera di Luciano Jolli, edita da Einaudi. Particolarmente significativo il sodalizio con Antonio Russo, Elsa Di Geronimo e Gianfranco Ponzio, pittore e scultore, che costruirà due anni dopo le maschere di Pedrolino che Allegri “calzerà” da quel momento in poi nei suoi spettacoli di Commedia dell’Arte.

Frequenta, presso il teatro Gobetti di Torino, uno stage diretto da Meredith Monk, organizzato dal Teatro dell’Angolo.

Successivamente entra a far parte di una formazione di giovani aspiranti attori riuniti nel Teatro Idea di Torino, diretto da Franco Grossi, con cui interpreta due atti unici di Eduardo De Filippo: “I morti non fanno paura” e “Il cilindro”.

{1977 - 79}

Single Image

Dopo aver frequentato uno stage sulla figura del “clown” tenuto nel dicembre 1976 da Alessandra Galante Garrone, si iscrive l’anno seguente alla nascente “Scuola di Teatro di Bologna”, gestita dalla cooperativa Nuova Scena e diretta dall’attrice torinese ormai trapiantata nel capoluogo emiliano.

Per mantenersi gli studi lavora contemporaneamente per due interi anni scolastici con una classe della Scuola Media Statale “G.Verga” di Torino chiamato dalla Professoressa Maria Teresa Manassero e, grazie all’appoggio degli insegnanti, prima allestisce uno spettacolo poi dirige un film tratti entrambi dal primo libro del “Poema Pedagogico”di Anton Semionovich Makarenko, padre della pedagogia russa del novecento.

Si diploma quindi nel 1979 e inizia la sua avventura di "Comico dell'Arte" dopo aver partecipato al suo primo stage sulla Commedia dell'Arte tenuto in Italia da Jacques Lecoq (foto).

Inizia quindi l'attività professionistica con la cooperativa Nuova Scena di Bologna, sotto la direzione artistica di Francesco Macedonio interpretando “L’avventura del teatro” di Vittorio Franceschi e “La festa e la morte” tratto dai “Dialoghi” di Ruzante; alla regia, oltre a Macedonio, c’è proprio lui: Jaques Lecoq.

{1980}

Single Image Allegri scrive il suo primo testo teatrale, "Pio... Op", del quale firma anche la regia: lo spettacolo propone, per la prima volta, un protagonista Arlecchino donna e fa emergere, in modo evidente, l'esperienza di clownerie maturata con gli insegnanti della scuola di Bologna, Lecoq stesso e con il clown e insegnante svizzero Pièrre Bilànd.

Nello stesso anno interpreta "Gli Uccelli" di Aristofane (foto) per la regia di Memè Perlini, con il gruppo musicale Area, spettacolo prodotto da Nuova Scena.

{1981}

Single Image Partecipa all'allestimento dello spettacolo "L'opera dello Sghignazzo", scritto, diretto e interpretato da Dario Fo, prodotto dal Teatro Stabile di Torino. Nel maggio del 1982 entra a far parte della compagnia del “Tag Teatro” di Venezia, il gruppo che negli anni ottanta sarà il più impegnato in Italia, nell’elaborazione della Commedia dell’Arte. Inizia interpretando ancora Ruzante e, per la prima volta, la maschera di Arlecchino in uno spettacolo dal titolo “Comoedia, overo l’Orco delle Scoassere” (foto).

Interpreta poi, da protagonista, “Racconti d’inverno”, un testo per ragazzi scritto e diretto da Francesco Macedonio.

{1983}

Single Image

L’inizio del 1983 è caratterizzato dalla partecipazione allo Stage Internazionale di Commedia dell’Arte diretto dal maestro Carlo Boso e organizzato a Venezia dal Tag Teatro durante le settimane che precedono il Carnevale. Si conferma come maschera di Arlecchino, col nome di “Pedrolino”, e ne prosegue lo studio, fino a debuttare nello spettacolo "Il falso Magnifico" (foto) diretto da Boso per il Tag teatro: il debutto avviene a Bonn, nell'ambito dell'Eurotheatertage ed è seguito da circa 180 repliche in Francia, Spagna, Grecia, Svizzera e nell'ex Unione Sovietica.

{1984}

Single Image

E' ancora, Arlecchino nel successivo spettacolo diretto da Boso per il Tag Teatro: "L'assedio della Serenissima" (foto) che effettuerà ancora una lunga tournée all’estero terminando le repliche prima al “Festival di Almagro” in Spagna e successivamente al “Festival di Salonicco” in Grecia. Con il Tag Teatro vince il “II Torneo di improvvisazione teatrale” di Torino.

{1985}

Rientrato a Torino, fonda con Diego Dettori la società Eclisse, che nei pochi mesi di attività contribuirà tuttavia a dare vita al gruppo di danza “Sosta palmizi”.

Incontra per la prima volta Alessandro Baricco partecipando a due cortometraggi scritti dall’autore torinese.

Prende inizio la collaborazione con Paolo Dego e il gruppo teatrale "Bretelle Lasche" di Belluno, collaborazione che durerà per circa sette anni durante i quali, oltre ad alcuni laboratori, Allegri metterà in scena "La colpa è sempre del diavolo" di Dario Fo, "Romeo e Giulietta" di Shakespeare, "L'opera da tre soldi" di Brecht e infine scriverà e dirigerà "Madame Cabaret", un'opera grottesca dedicata alla nascita dell'Europa Comunitaria.

{1986}

Single Image Nel febbraio del 1986, Allegri scrive e allestisce il suo primo canovaccio di Commedia dell'Arte: "L'assedio di Torino", che ha per argomento la battaglia che si svolse nel 1706 sulle colline a ridosso del capoluogo subalpino.

Viene successivamente chiamato da Leo De Berardinis a partecipare agli spettacoli "Novecento e Mille" (foto) prima e "La tempesta" di Shakespeare poi, prodotti dalla cooperativa Nuova Scena di Bologna.

{1987}

Single Image

Scrive e dirige, ancora per il Tag Teatro, “Eugenio e Sregolatezza”, un atto unico che interpreta insieme all’attrice francese Bobette Levesque (foto).

Nello stesso anno, di nuovo con Leo De Berardinis, è in scena con "Delirio" prodotto dal festival di Santarcangelo di Romagna e nel 1988 con il "Macbeth" di Shakespeare prodotto dal Teatro Ateneo di Roma. Con questo spettacolo nasce il Teatro di Leo, di cui Eugenio Allegri è tra i fondatori.

{1988}

La collaborazione tra il Teatro di Leo e il Teatro Ateneo di Roma porterà alla messa in scena del “Macbeth” di Shakespeare, in cui Allegri interpreta “Duncan” e “Il portiere” e all’allestimento della seconda edizione di “Novecento e Mille” di Leo De Berardinis.

{1989}

E' uno dei protagonisti, unico attore non napoletano, di "Ha' dda passà a nuttata", dall'opera di Eduardo de Filippo, coprodotto dal Teatro di Leo e dai Teatri Uniti in collaborazione con il Festival dei due mondi di Spoleto, seguito dal riconoscimento del Premio Ubu per il miglior spettacolo della stagione teatrale italiana 1989/90.

{1990 - 91}

Rientra ancora a Torino dove ha inizio la collaborazione con la compagnia Assemblea Teatro
diretta da Renzo Sicco che lo dirige in due spettacoli: “Ai ruffiani, ai ladri, ai bevitori di birra”, tratto dall’antologia di “Spoon river” di Lee Master e “Fiocchi”, un testo per ragazzi scritto dalla drammaturga e attrice francese Pascal Charetton. Entrambi gli spettacoli saranno in tournée in tutta Italia.

{1992}

Inizia la collaborazione con il Teatro Settimo di Torino, partendo dall'interpretazione de "La storia di Romeo e Giulietta": la regia è di Gabriele Vacis; lo spettacolo - che entra a far parte di circuiti ufficiali in teatri di abbonamento - vince il Premio Ubu per la miglior drammaturgia.

Successivamente recita nel film di Daniele Segre "Manila, paloma blanca".

Contemporaneamente al "Romeo e Giulietta", nel cinquecentenario della scoperta dell'America, scrive e mette in scena "La conquista di Abya Yala" (un testo scritto per i 30 attori non professionisti del teatro Studio-Cral Sip di Torino).

{1993}

Single Image Con lo stesso cast di "Romeo e Giulietta", ancora sotto la regia di Vacis, interpreta la "Trilogia della Villeggiatura" di Carlo Goldoni (foto) che debutta a Mira (Ve), nei ruoli di Fulgenzio e di Ferdinando. Lo spettacolo conferma al grande pubblico lo straordinario valore della compagnia che effettua una lunga tornée nei maggiori teatri italiani per quanto una profonda crisi organizzativa del Laboratorio Teatro Settimo ne decreti, anzitempo, la fine.

Collabora con la compagnia "Il teatro del sabato" di Moncalieri (TO) mettendo in scena tra gli altri "Il teatro del mondo", un adattamento da "Il teatro Comico" di Carlo Goldoni.

{1994}

Single ImageLa necessità, da tempo sentita, di un lavoro personale - sotto forma di monologo - si concretizza, per Eugenio Allegri, nell'incontro a tre con Gabriele Vacis e Alessandro Baricco. Tre torinesi uniti producono quello che è stato un grande successo: "Novecento" (foto), monologo teatrale scritto da Alessandro Baricco, come da lui stesso precisato nella prefazione al testo pubblicato da Feltrinelli, "per un attore Eugenio Allegri, e un regista Gabriele Vacis".

Ad ottobre viene chiamato ancora da De Berardinis a tenere un laboratorio di maschera per la sua compagnia: da questo lavoro nasceranno le maschere che de Berardinis utilizzerà ne "Il ritorno di Scaramouche". Eugenio Allegri viene riconosciuto a tutti i livelli come esperto di Commedia dell'Arte e chiamato a tenere laboratori e seminari.

{1995}

Single Image

Mentre ha inizio la prima stagione di tournée di “Novecento”, dalla collaborazione tra i più consolidati attori, le più significative compagnie della scena torinese e un gruppo nutrito di talentuosi giovani attori italiani e stranieri, nasce una memorabile testimonianza teatrale realizzata dentro la Mole Antonelliana, diretta da Gabriele Vacis su testi raccolti e adattati dallo scrittore e giornalista Gian Luca Favetto. Il titolo è: “Canto per Torino”.

Nell’estate viene chiamato dal regista Maurizio Smith a partecipare all’allestimento di “Arlecchino alla Rocchicciola” (foto), una composizione di pezzi teatrali, da Goldoni a Brecht passando per il teatro popolare umbro del ‘400, che viene messa in scena dapprima al castello di Udine e successivamente alla Pieve di Corciano e infine alla Rocca Minore di Assisi.

{1996}

L’anno è caratterizzato dalla conferma di “Novecento” come spettacolo Cult del panorama teatrale Italiano.
Durante l’estate torna tuttavia a Venezia e alla Commedia dell’Arte allestendo un canovaccio di cui è autore, tratto dall’ “Anfitrione” di Plauto. Con l’omonimo titolo, e con contaminazioni dalla stessa opera di Moliére, nasce uno spettacolo prodotto dalla compagnia Pantakin che ottiene lusinghieri successi di pubblico e della pur poca critica che in Italia mostra interesse per la commedia.

Nell’autunno inizia la tournée di “Uccelli” di Aristofane, uno spettacolo prodotto dal Teatro Settimo in collaborazione con il Festival dei “Due Mondi” di Spoleto, ancora con la regia di Gabriele Vacis.

{1997}

Single Image

Un anno straordinario con la partecipazione a ben quattro spettacoli e l’allestimento di un quinto.
La regia è ancora di Commedia dell’Arte poiché con la Compagnia Accademia degli Sventati, di Udine, nasce un canovaccio che è un intreccio tragicomico tra “La bisbetica domata” di Shakespeare e la storia del giovane eroe friulano Jacopo da Malnisio che, nel ‘500, fu protagonista di sanguinose battaglie tra cristiani e musulmani ai confini di Venezia, Austria e Friuli. Ne nasce “Caterina e il Mamaluc” con cui la compagnia si presenta sulla scena italiana.

Come attore riprende ancora “Novecento” recandosi tra l’altro a Francoforte e a Berlino insieme ad Alessandro Baricco, per promuovere l’opera dello scrittore torinese tradotta in tedesco.

Alla fine di luglio è tra i numerosi interpreti di “Danubio”, tratto dal libro di Claudio Magris e messo in scena da Giorgio Pressburgher per il Festival di Cividale del Friuli.

Entra a far parte stabilmente di “Totem”, lo spettacolo che Baricco e Vacis portano in giro per l’Italia con il contributo di diversi artisti della scena nazionale.

Viene quindi chiamato per il ruolo di “Gloucester”, accanto al protagonista Piero Mazzarella, nel “Re Lear” di Shakespeare (foto), diretto da Andrée Ruth Shammah con la compagnia del Teatro Franco Parenti di Milano dove debutta in ottobre.

Infine è da sottolineare l’unico Stage di Commedia dell’Arte che Allegri tiene presso la Civica Accademia “Paolo Grassi” di Milano, della durata di un mese. Ne scaturiranno due straordinari canovacci che saranno presentati come saggio di fine corso ; vi partecipano, tra gli altri, alcuni giovani attori oggi presenti sulla scena italiana quali: Giuliana Musso, Tatiana Lepore, Tommaso Banfi, Edoardo Ribatto.

Partecipa, presso la Rai di Torino, alla registrazione radiofonica de "Le intellettuali" di Molière e de "La cimice" di Majakovskij per la regia di Gabriele Vacis, all'interno del progetto "La scena delle voci" diretto da Luca Ronconi.

{1998}

Single Image

L’anno si apre con il debutto a Regio Emilia de “La bottega del caffè” di Goldoni (foto), diretto da Gigi Dall’Aglio e prodotto dall’Ert-Emilia Romagna Teatro; Allegri vi interpreta il ruolo del caffettiere Ridolfo. Lo spettacolo, ripreso poi in autunno, andrà lungamente in tournée in tutta Italia.

Nell’estate prepara due preziosi eventi: il primo al teatro di Longiano “Il Mago”: una lettura di racconti di Dino Buzzati scelti da Paola Cimatti e Barbara Montespini, che si avvale delle musiche eseguite dal vivo di Alberto Borsari e Maurizio Marrani. Lo spettacolo debuuta al teatro di Mercato Saraceno cui seguirà una breve tournée. Il secondo a Torino, presentando al teatro Carignano “Ritorno ad Assisi”; un affresco sulla vita di Santo Francesco e un omaggio alla città che da pochi mesi era stata colpita da un grave terremoto. Si tratta di una lettura corale che anche in questo case si avvale della collaborazione di musicisti ed in particolare di Ramberto Ciammarughi, autore delle musiche.
Con questo spettacolo prende avvio l’attività della Piccola Società Cooperativa “Artquarium” che Allegri fonda, a Torino, insieme ad Oliviero Moroni e Anna Maria Cebrelli.

Single Image L'autunno è stato caratterizzato dalla regia de "I tre moschettieri", per il teatro dell'Angolo, mentre la chicca dell'inverno 1998/99 per Allegri è stata indubbiamente la partecipazione a "Totem", spettacolo teatrale con Baricco, Vacis e Stefania Rocca, trasmesso su Rai Due TV, in una palcoscenico in onda in prima serata (foto).

{1999}

Nella stagione 1999/2000 Allegri firma due regie: "Il Re Cervo", prodotto dal teatro Stabile del Veneto e "La crudel zobia grassa", un canovaccio di Commedia dell'Arte ispirato ad un crudele fatto di sangue accaduto ad Udine durante il carnevale del 1511 (il canovaccio porta la firma di Allegri e viene messo in scena dall'Accademia de gli Sventati, ad Udine).

Single Image A novembre esce il film "Amor nello specchio" (foto), dove interpreta la figura di Arlecchino nel ruolo di Tristano Martinelli. E' ancora a novembre che Allegri collabora alla messa in scena de "Arlecchino servitore di due padroni" per la regia di Thomas Krupa presso il Staatstheater Darmstadt in Germania e a dicembre dirige un laboratorio di Commedia dell'Arte in Francia presso l'Académie théâtrale de l'Union di Limoges, organizzato dal centro teatrale nazionale omonimo.

{2000}

Single Image

L’anno 2000 inizia inizia con il debutto del monologo “La storia di Cirano”(foto), realizzato con la regia di Gabriele Vacis e prodotto dal Teatro Stabile del Veneto diretto da Mauro Carbonoli. Il debutto avviene al teatro “Raffaello Sanzio” di Urbino grazie alla collaborazione con l’AMAT delle Marche. Oltre a “Novecento” che riprende per il sesto anno consecutivo la sua tournée, “La storia di Cirano” è lo spettacolo con cui Allegri si presenta nei teatri italiani.

La collaborazione con il musicista assisano Ramberto Ciammarughi produce un “melologo” che lo stesso Ciammarughi scrive e musica per Allegri; nasce “Una lauda per frate Francesco” che viene presentata per la prima volta nella rassegna musicale “Cross road” al “Teatro delle passioni” di Modena.

In ottobre partecipa al Festival Internazionale dell’Attore di Parma, organizzato dal “Teatro2”, per uno scambio culturale tra maschere della tradizione italiana e iraniana. Indossa per l’ultima volta ufficialmente la maschera di Arlecchino.

In giugno debutta presso la chiesa di Santa Chiara a Torino lo spettacolo “Il gran teatro del mondo” di Calderon de la Barca di cui Allegri cura la regia per la produzione della compagnia “Anna Bolens”, diretta da Anna Marcelli.

In dicembre cura la regia dello spettacolo "Ventimila leghe sotto i mari" di Livia Amabilino, tratto da Jules Verne, che debutta a Trieste, prodotto dalla compagnia La Contrada.

{2001}

Single ImageL’8 aprile, nel bellissimo teatro comunale di Fermo, stracolmo di pubblico, alla trecentoquindicesima replica, Eugenio Allegri termina la sua avventura con “Novecento” scritto da Alessandro Baricco e diretto da Gabriele Vacis.

In giugno viene chiamato al Teatro Stabile di Genova per partecipare allo spettacolo “6 personaggi.com” scritto da Edoardo Sanguineti per la regia di Andrea Liberovici anche autore delle musiche di scena.
Lo spettacolo debutta e replica al teatro “Duse” di Genova.

Il 10 ottobre 2001, presso il teatro “Gobetti” di Torino, Eugenio Allegri presenta in anteprima il suo terzo monologo: si tratta di “Shylock” (foto) traduzione italiana del testo dell’attore e autore inglese Gareth Armstrong, per la regia del torinese Luca Valentino. Lo spettacolo è prodotto dall’ “Artquarium” in collaborazione con l’Università di Venezia e vedrà il suo debutto ufficiale il 27 gennaio 2002, giornata della Memoria, a Rimini grazie alla collaborazione con l’assessorato all’istruzione della città romagnola.

{2002}

Single Image Nell’estate due spettacoli particolari in quanto tratti entrambi da testi letterari: il primo tratto da alcune pagine di “Corporale” di Paolo Volponi; il titolo è “Pancia di Stella” e a dirigerlo è Fulvio Ianneo con la produzione del “Teatro Reon” di Bologna. Il secondo dà inizio alla collaborazione tra il “Teatro dell’Archivolto” di Genova ed Eugenio Allegri; si tratta dell’adattamento teatrale de “L’uomo nell’armadio” di Ian McEwan curato e diretto dal regista Giorgio Gallione. Lo spettacolo debutta al “Festival del teatro” di Borgio Verezzi.

In autunno partecipa a “Morte accidentale di un anarchico” di Dario Fo, messo in scena dai Teatridithalia di Milano per la regia di Elio De Capitani e Ferdinando Bruni. Per due stagioni Allegri vestirà i panni del “Matto”, il ruolo ricoperto dallo stesso Fo nella prima versione del 1970.

{2003}

Single Image L’inizio dell’anno è caratterizzato dal debutto nel Teatro Comunale di Bagnacavallo, ospite di “Accademia Perduta”, de “L’ultimo suonatore” (foto), un lavoro tratto dal “Tingeltangel” di Karl Valentin scritto, diretto e interpretato insime alla Banda Osiris, il gruppo di musicisti-clown più famoso in Italia; prodotto dal “Teatro delle Moline” e dalla “Dadaumpa”, entrambi di Bologna, sarà lo spettacolo principale, per Allegri, della stagione 2003/2004 .

In Aprile debutta al Teatro Gobetti di Torino con lo spettacolo “Gianduia” di cui è regista ed interprete insieme ad altri undici attori, su testi elaborati da Alfonso Cipolla e Giovanni Moretti. Lo spettacolo è prodotto dall’Artquarium , dal “Sistema Teatro Torino” e da “Il Contato” di Ivrea.

Nell’estate partecipa come protagonista maschile al film “Senza la parola fine”, scritto e diretto da Vanni Vallino e Bruno Gambarotta, accanto all’attrice Olivia Manescalchi.

In settembre iniziano le riprese de “Le stagioni del cuore” una Fiction televisiva diretta da Antonello Grimaldi, in cui Allegri interpreta la parte di un commissario di polizia.
Diventa direttore artistico del teatro comunale di Casalpusterlengo, in provincia di Lodi, chiamato da Gabriele Balderacchi e Roberta Quartieri e dalla compagnia “Lenz”.

Il 1° dicembre, a Milano, replica per l’ultima volta “Shylock”.

{2004}

Single Image

Riprende l’ultima parte di tournée di “Morte accidentale di un anarchico” di Dario Fo, che chiuderà il suo viaggio al teatro Argentina di Roma.

In settembre riprende “L’uomo dell’armadio” (foto) di Ian McEwan con il Teatro dell’Archivolto e la regia di Giorgio Gallione ed inizia ufficialmente la sua tournée dal Palazzo Ducale di Mantova, nel programma del Festival della letteratura.

Collabora con il quartetto “Xenia Ensemble” per una lettura in musica di testi di poeti russi e americani dell’avanguardia. Lo spettacolo viene presentato alla Fondazione Sandretto di Torino.

La società cooperativa Artquarium si trasferisce da Torino ad Avigliana, in Val di Susa, e Allegri da avvio alla Residenza Multidisciplinare che chiama “Stabilimento Teatrale Folengo” realizzata con il contributo della Regione Piemonte, dei comuni di Avigliana, Almese e Caselette e della Comunità Montana “Bassa Val di Susa e Val Cenischia”.

{2005}

Single Image

Inizia l’ultima parte di Tournée con “L’ultimo suonatore” ispirato a Valentin.

Nell’estate riprende la collaborazione con il Teatro dell’Archivolto partecipando a “Cosmica Luna” uno spettacolo su testi di Italo Calvino, messo in scena da Giorgio Gallione che debutta alla Sala Mercato di Genova mentre , a distanza di cinque anni dal debutto, continuano in tutta Italia le repliche de “La storia di Cirano", ora prodotto, in una nuova edizione, dalla cooperativa Artquarium.

Debutta, presso il rinnovato teatro di Grottammare, con “Viaggio Sentimentale”, un concerto per parole e musica dedicato a poeti e scrittori dell’ America latina realizzato insieme al musicista fermano Daniele Di Bonaventura: lo spettacolo è sostenuto dall’AMAT delle Marche e prodotto dall’Artquarium.

In dicembre partecipa allo spettacolo-evento “Pinocchio” (foto), interpretando la parte di “Geppetto”, per il progetto “San Sicario, un paese da favola” diretto dalla regista milanese Laura Cantarelli.

{2006}

Single Image

Mentre proseguono le repliche de “L’uomo dell’armadio” e quelle de “La storia di Cirano”, Allegri si prepara al debutto di ben tre spettacoli in pochi mesi: il primo è “AK, il canto dei Catari”, scritto da Giorgio Cattaneo e diretto da Franco Collimato, prodotto dalla “Libre” di Torino all’interno di un progetto internazionale curato dall’Associazione “Marcovaldo” di Caraglio, in provincia di Cuneo: debutta in marzo alla Cavallerizza Reale di Torino; poi sarà la volta, al teatro Gobetti di Torino, prodotto dall’Artquarium con il sostegno del “Sistema Teatro Torino” di “S.O.S. Soldi Opera Strit”, sua riscrittura de “L’opera da tre soldi” di Bertold Brecht” diretta e interpretata insieme ai giocolieri e acrobati della compagnia “Fratelli Ochner” e i musicisti-clown del gruppo Bandaradan, entrambi torinesi; infine, nel teatro di Almese, in Val di Susa, prodotto dall’Artquarium, debutta una nuova versione de “L’Assedio di Torino”, canovaccio di Commedia dell’Arte di cui Allegri è autore e regista.

Nell’estate partecipa ad una nuova produzione del Teatro dell’Archivolto che debutta alla sala Mercato di Genova: si tratta di “Cipputi, cronache dal bel paese” scritto da Francesco Tullio Altan e Giorgio Gallione, con la regia dello stesso Gallione.

Debutta al Festival di Andria con la lettura in musica di "L'uomo che corruppe Hadleyburg", da Mark Twain per l'adattamento e la regia di Leo Muscato.

Nell’ambito di “Settembre Musica”, collabora nuovamente con il quartetto musicale “Xenia Ensemble” per una lettura-concerto dedicata a Dmitri Shostakovitch tenuta presso il Conservatorio di Torino alla presenza della Sig.ra Shostakovitch.

In autunno l'ArtQuarium e Eugenio Allegri, assumono dal Comune di Avigliana (To), l'incarico di dirigere il Teatro Comunale. Poco dopo, su iniziativa della Regione Piemonte, che affianca i comuni di Avigliana, Almese, Caselette e la Comunità Montana “Val di Susa e Val Cenischia”, il progetto si trasforma nella Residenza Multidisciplinare che Allegri chiamerà “Stabilimento Teatrale Folengo” e che andrà avanti sino a dicembre 2011.

{2007}

Single Image

L'anno si apre con due partecipazioni ad altrettanti films e ad uno straordinario evento di Commedia dell'Arte. In gennaio e in marzo, Allegri partecipa prima al film di Salvatore Maira “Valzer”, poi al film di Carlo Lizzani “Hotel Meina”; entrambi verranno presentati in settembre al Festival del Cinema di Venezia.

Intanto, a partire da un'idea del compositore pesarese Matrio Totaro, che scriverà una partitura apposita per un'orchestra di venti elementi, Eugenio Allegri scrive e dirige un'opera teatrale e dalla collaborazione dei due artisti nasce “La suitte del grande Arlecchino”, Il debutto avviene in febbraio nella splendida cornice del Teatro della Fortuna di Fano, nell'ambito delle manifestazioni per il Carnevale della Città; a dirigere l'orchestra sarà il Maestro Michele Mariotti.

Nei mesi successivi, Allegri debutterà con due spettacoli: il primo, al Festival del Teatro di Asti, sarà un monologo scritto e diretto da Lucia Grosso dal titolo “L’innocente colpevole” e sarà prodotto dalla compagnia “Filodrammatici” di Milano; il secondo vedrà Allegri al fianco di Giorgio Li Bassi e Anna Amadori nell’allestimento di “Uno scultore”, un testo del drammaturgo italoamericano William Mastrosimone, tradotto da Luca Scarlini, per la regia di Fulvio Ianneo. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Reon di Bologna, debutterà al “Theatre de la Cartoucherie” di Parigi il 1° settembre.

Il 3 ottobre, al Teatro Comunale di Alessandria, Eugenio Allegri riprende ufficialmente le repliche di “Novecento”, di Alessandro Baricco con la regia di Gabriele Vacis, dopo un'interruzione durata cinque anni. La prima serata è in forma di lettura e accanto ad Allegri, nella parte finale dello spettacolo, entra in scena Arnoldo Foà.

Il 29 ottobre, in una serata speciale organizzata dalla Fondazione Gaber, presso la Sala “Grassi” del Piccolo Teatro di Milano, debutta un nuovo monologo: “Il Dio Bambino” di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, prodotto dal Teatro dell’Archivolto con la regia di Giorgio Gallione.

In dicembre, per la seconda e ultima volta, partecipa all'evento “San Sicario: un paese da favola”: è in scena con Jessica Polskij e Omar Fantini in una breve versione teatrale di “Alice nel paese delle meraviglie”, per la regia di Laura Cantarelli.

{2008}

Single Image

A vent'anni dalla scomparsa di Primo Levi, nell'ambito dei progetti finaziati dal Sistema Teatro Torino, Eugenio Allegri, con la cooperativa teatrale ArtQuarium, presenta “Sistemi gemelli”, uno spettacolo tratto dalle opere di Levi dedicate alla chimica e al tema del lavoro. L'unica settimana di repliche avverrà al Teatro Gobetti di Torino, in gennaio.

Nei mesi successivi riprendono la tournèe in Italia sia “Il dio bambino”, sia “Novecento”.

Si consolida intanto l'attività della Residenza Multidisciplinare in Val di Susa, con l'organizzazione di stagioni teatrali per adulti e ragazzi, corsi di teatro, rassegne musicali, interventi a sostegno del teatro sociale e dell'attività culturale del territorio.

{2009}

Single Image

Dopo sette anni, Allegri torna in scena in un nuovo spettacolo diretto da Gabriele Vacis. La novità coincide con un evento straordinario: il 3 febbraio, il Teatro Stabile di Torino, diretto da Mario Martone, inaugura il ristrutturato Teatro Carignano, gioiello della città, con una propria produzione; si tratta di “Zio Vanja” di Anton Checov, alla regia Vacis, protagonista nel ruolo di Vanja, Eugenio Allegri. Sarà lo spettacolo di punta del TST per la stagione 2009/2010.

Insieme a Susanna Teodoro e Fabrizio Palma, Eugenio Allegri scrive un testo teatrale per ragazzi: “Perché no!”. Lo spettacolo debutta a giugno, prodotto dalla compagnia Tangram di Vimercate (Mi), con la regia dello stesso Allegri e l'interpretazione di Fabrizio Palma.

In ottobre al teatro Puccini di Firenze, Allegri è il protagonista di “Officina Galileo”, uno spettacolo sulla figura e l'opera di Galilelo Galilei, scritto e diretto da Riccardo Rombi, prodotto dalla compagnia Catalyst.

{2010}

L'anno si apre con il secondo anno di repliche di “Zio Vanja”, già iniziate nel novembre 2009, che termineranno a metà febbraio.

Proseguono le repliche di “Novecento” e, per l'ultima tranche, quelle de “Il dio bambino”.

A maggio, al teatro “ La Suoneria” di Settimo Torinese, debutta “ 70 mi da tanto “, scritto e diretto da Allegri per il gruppo di musicisti clown torinesi: I Pappazzum. La produzione è della cooperativa Nidodiragno di San Remo.

Per cinque settimane, da metà giugno. Allegri guida con altri cinque maestri di training, danza, pantomima, duelli teatrali e musica, uno Stage Internazionale di Commedia dell'Arte, cui partecipano venti attori provenienti da tutta Italia e da alcuni paesi europei, all'interno del progetto europeo Alcotrà chiamato “Gli scavalcamontagne”. Lo stage termina con l'allestimento di due scenari di commedia : “Fratelli d'Italia” e “Il falso magnifico”, che verranno presentati a Torino e a Gap.

Single Image

Da ottobre a dicembre due nuovi spettacoli con il Teatro dell'Archivolto di Genova per la regia di Giorgio Gallione. Il primo è: “Pizzeria Kamikaze”, tratto dall'omonimo libro dello scrittore israeliano Etgard Kereth; nel secondo, Allegri è in scena con Neri Marcoré in “Terra padre”, reading su scritti di Roberto Saviano.



{2011}

Single Image

L'evento dell'anno è ancora uno spettacolo con la regia di Gabriele Vacis, prodotto dal Teatro Stabile di Torino: si tratta di “Rusteghi, i nemici della civiltà”, scritto da Antonia Spaliviero dall'opera di Carlo Goldoni. In scena accanto ad Allegri, tra gli altri, Natalino Balasso, Yuri Ferrini e Mirko Artuso.

All'inizio di aprile va in scena “Di suoni e d'asfalto”, un reading sul tema della letteratura di viaggio. Allegri è in scena con il quartetto di musiciste Les Nuages Ensemble. La produzione è ancora una volta Nidodiragno di San Remo.

A novembre debutta al Teatro dell'Argine di San Lazzaro di Savena “Cronache del diluvio universale” di Gianni Celati per la regia di Nicola Bonazzi. La produzione è della compagnia
ITC San lazzaro.

{2012}

L'anno si apre con la ripresa di un consistente numero di repliche di “Novecento” e di un vecchio cavallo di battaglia: “La storia di Cirano”. Segue la ripresa dei “ Rusteghi” che, da febbraio a maggio, porterà la compagnia del Teatro Stabile torinese intutte le maggiori città italiane registrando ovunque uno straordinario successo.

Single Image

In estate , accanto alle tournée dei vari spettacoli in repertorio, cominciano le prove di un eccezionale lavoro teatrale ideato da Giorgio Gallione e fortemente condiviso da Allegri: “Berlinguer, i pensieri lunghi”, che si presenta al pubblico italiano come uno speciale omaggio alla figura di Enrico Berlinguer, uno dei più grandi uomini politici italiani del novecento. Nel monologo, che debutta a Genova ad ottobre, Eugenio Allegri è interprete mentre Gallione firma testo e regia. La produzione è del Teatro dell'Archivolto in collaborazione col Teatro Stabile di Genova.

{2013}

Single Image

Il 2013 si apre così come si è chiuso il 2012: per la seconda volta in pochi mesi il Teatro Stabile di Torino, programma 12 repliche di “Novecento” in uno dei suoi prestigiosi teatri, e questa volta il più prestigioso, il Teatro Carignano, quello stesso in cui il 4 marzo del 2012, in una serata memorabile, il pubblico torinese aveva salutato lo spettacolo con un applauso finale di quindici minuti.

L'anno prosegue con la programmazione delle repliche di “Berlinguer, i pensieri lunghi” in alcune tra le più importanti città Italiane.

Tuttavia questo è anche l'anno in cui, complice forse la grave crisi economica e culturale del paese, Eugenio Allegri non partecipa né crea alcuna nuova produzione teatrale.
La tournée si comporrà con le riprese dei vecchi spettacoli.

Se le condizioni lo permetteranno, nel 2014 e 2015 potrebbero vedere la luce alcuni progetti che Eugenio Allegri sta pensando di realizzare rispettivamente sull'opera di Ruzante, su quella di Aristofane, su alcuni scenari di Commedia dell'Arte e su “I diavoli di Carpi”, un testo della drammaturga Alessandra Teatini, alla cui messa in scena, per la parte musicale, parteciperà la cantante americana Candy Smith in collaborazione con un gruppo di giovani musiciste e cantanti della sua scuola bolognese.

 

Curriculum TV/Cinema

 

Prossimamente sui vostri schermi!

 

 

TORNA SU